SUSE Linux è stato venduto per 2,5 miliardi di dollari

SUSE Linux è stato venduto per 2,5 miliardi di dollari

SUSE Linux è stato venduto per 2,5 miliardi di dollari

SUSE, la società di software open source di proprietà della britannica Micro Focus International, è stata venduta a una società svedese.

Sì, SUSE Linux e il suo business del software associato sono stati finalmente acquisiti da EQT partners per 2,5 miliardi di dollari, portando le sue azioni al 6%.

SUSE è una delle più antiche società open source e forse la prima a fornire servizi di software Linux di livello enterprise a banche, università e agenzie governative di tutto il mondo.

Dalla sua fondazione nel 1992, SUSE ha cambiato proprietà più volte. La società di software statunitense Novell ha acquisito SUSE per 120 milioni di dollari nel novembre 2003 per competere con Microsoft nel mercato dei sistemi operativi.

Tuttavia, le cose non hanno funzionato come la società pensava e Novell a sua volta è stata acquisita da un’altra società statunitense The Attachmate Group per 2,2 miliardi di dollari nel 2011. Tre anni dopo, Micro Focus International ha acquisito Attachmate per 2,35 miliardi di dollari nel 2014.

Da allora SUSE Linux ha fatto parte di Micro Focus come divisione semi-indipendente e in competizione con Red Hat e Ubuntu nel mercato aziendale per i software dei sistemi operativi open-source.

Ora, EQT partners ha annunciato di essere il nuovo proprietario di SUSE e pianifica di gestirlo come una società indipendente per rafforzare i prodotti con sviluppatori e ingegneri.

Heres che cosa Johannes Reichel da EGT ha detto circa l’affare: “Gli investimenti in ingegneri era un po ‘limitato con la precedente proprietà che cambierà Sullo sfondo di crescenti conflitti commerciali, clienti aziendali apprezzano un fornitore di software di infrastruttura con origini europee”.

SUSE è entusiasta della nuova partnership, in quanto ha menzionato sul suo blog post che la partnership con EQT partners avrebbe ulteriormente sfruttato le eccellenti opportunità di mercato sia nel settore dei sistemi operativi Linux che nei gruppi di prodotti emergenti nello spazio open source.

“Oggi è una giornata entusiasmante nella storia di SUSE: con la partnership con EQT diventeremo un’azienda completamente indipendente, il prossimo capitolo dello sviluppo di SUSE continuerà e accelera lo slancio generato negli ultimi anni”, ha scritto Nils Brauckmann, CEO di SUSE. dichiarazione.

“Insieme a EQT trarremo vantaggio da ulteriori opportunità di investimento e dalla continuità di un gruppo dirigente focalizzato sulla garanzia di una crescita redditizia a lungo termine unita ad una forte attenzione al successo dei clienti e dei partner”.

Preoccupato per OpenSUSE?

Se sei preoccupato per altri progetti open source di SUSE, tra cui OpenSUSE, il team di SUSE ha assicurato ai suoi utenti che è impegnato a mantenere la leadership e il supporto open source per le principali comunità open source per rimanere invariato.

“In linea con la sua storia venticinquennale, SUSE intende rimanere impegnata in uno sviluppo e modello di business open source e partecipare attivamente a comunità e progetti per portare innovazione open source all’impresa come soluzioni di alta qualità, affidabili e utilizzabili”, team SUSE dice.

“Questo modello open source veramente aperto, in cui open si riferisce alla libertà di scelta offerta ai clienti e non solo al nostro codice, è incorporato nella cultura di SUSE, lo differenzia nel mercato ed è stato la chiave del suo successo”.

Inoltre, OpenSUSE, la distribuzione Linux gratuita basata su SUSE Linux, è completamente indipendente dal fiore all’occhiello di SUSE, SUSE Linux Enterprise Server (SLES), quindi non devi andare nel panico.

Il presidente di OpenSUSE, Richard Brown, ha dichiarato nella mailing list che l’accordo di acquisizione di SUSE “non avrà alcun impatto negativo su OpenSUSE”, aggiungendo che SUSE rimane fermamente “impegnata a supportare la comunità di OpenSUSE che dovrebbe continuare sotto la loro nuova partnership con EQT”.

Michele Minister

Ciao e benvenuto nel mio sito e voglio dirti Chi Sono, innanzitutto parto col dire che mi chiamo Marco Martini ma sono anche chiamato Michele Minister dato che Michele è il mio secondo nome e Minister è il nickname che ho da sempre utilizzato su tutti i giochi e quindi li ho messi insieme dato che non volevo utilizzare il classico Nome e Cognome per creare un sito. Ho soli 17 anni e svolgo parallelamente alla scuola la professione di Webmaster e Divulgatore Informatico, sono sempre stato timido ed insicuro ma con il diffondersi maggiormente delle nuove tecnologie e di Internet, mi sono avvicinato a questo nuovo mondo che ho sempre reputato il migliore.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×
WhatsApp chat