Google ha abilitato la funzionalità Isolamento del sito per impostazione predefinita per gli utenti di Chrome Desktop

Google ha abilitato la funzionalità Isolamento del sito per impostazione predefinita per gli utenti di Chrome Desktop

Google ha abilitato la funzionalità Isolamento del sito per impostazione predefinita per gli utenti di Chrome Desktop

Google ha attivato per impostazione predefinita, una funzionalità di sicurezza denominata Isolamento del sito nel suo browser web con il rilascio di Chrome 67 per tutti gli utenti Desktop per aiutarli a proteggersi da molte minacce online, tra cui Spectre e Meltdown.

L’Isolamento del sito è una funzionalità del browser web Chrome che aggiunge un ulteriore limite di sicurezza tra i siti web garantendo che siti diversi siano sempre inseriti in processi separati, isolati gli uni dagli altri.

Poiché ogni sito nel browser acquisisce il proprio processo in modalità sandbox, la funzione rende più difficile per i siti web non attendibili accedere o rubare informazioni dei propri account su altri siti web.

A gennaio di quest’anno, quando i ricercatori di Google Project Zero hanno rivelato i dettagli delle vulnerabilità di Spectre e Meltdown, il gigante tecnologico ha consigliato agli utenti Desktop di Chrome di attivare manualmente la funzionalità di Isolamento del sito sui propri dispositivi per mitigare gli attacchi speculativi ai canali laterali.

“Anche se un attacco Spectre dovesse accadere in una pagina web malevola, i dati di altri siti web non sarebbero generalmente caricati nello stesso processo, quindi ci sarebbero molti meno dati disponibili per l’aggressore”, spiega l’ingegnere di Google Charlie Reis in un post sul blog.

“Questo riduce significativamente la minaccia rappresentata da Spectre.”

In seguito alla scoperta di varie varianti di Spectre e sub-varianti, Google ha ora abilitato questa funzione di sicurezza per il 99% degli utenti di Chrome Desktop su Windows, Mac, Linux e Chrome OS.

google-chrome-site-isolamento

Data l’ampia portata di questo nuovo cambiamento, la società mantiene un fermo all’1%, per ora, per monitorare e migliorare le prestazioni.

Google sta inoltre studiando i modi per estendere la funzionalità di Isolamento del sito a Chrome per Android, la sua piattaforma mobile “dove ci sono altri problemi noti”, ma gli utenti Android possono abilitare la funzione manualmente.

“Criteri aziendali sperimentali per l’attivazione dell’Isolamento dei sito saranno disponibili in Chrome 68 per Android e possono essere attivati ​​manualmente su Android utilizzando chrome: // flags / # enable-site-per-process”, ha affermato la società

Poiché i browser in genere consentono alle pagine di incorporare immagini e script da qualsiasi sito, Google ha anche aggiunto un meccanismo denominato Cross-Origin Read Blocking (CORB) alla funzionalità di Isolamento del sito che “indica al browser di consentire a un’applicazione web in esecuzione su un’origine (dominio) permesso di accedere a risorse selezionate da un server di origine diversa.”

“Inoltre, l’Isolamento del sito offre anche una maggiore protezione contro un certo tipo di errore di sicurezza del browser web, chiamato universale cross-site scripting (UXSS)”, ha detto Google.

“I bug di sicurezza di questo modulo consentirebbero normalmente a un utente malintenzionato di ignorare lo stesso criterio di origine all’interno del processo di rendering, anche se non danno all’aggressore il controllo completo del processo.”

Va notato che i processi aggiuntivi generati dall’Isolamento del sito potrebbero far sì che Chrome utilizzi più memoria, ma Google promette di ottimizzare questo comportamento per mantenere veloce il browser.

Michele Minister

Ciao e benvenuto nel mio sito e voglio dirti Chi Sono, innanzitutto parto col dire che mi chiamo Marco Martini ma sono anche chiamato Michele Minister dato che Michele è il mio secondo nome e Minister è il nickname che ho da sempre utilizzato su tutti i giochi e quindi li ho messi insieme dato che non volevo utilizzare il classico Nome e Cognome per creare un sito. Ho soli 17 anni e svolgo parallelamente alla scuola la professione di Webmaster e Divulgatore Informatico, sono sempre stato timido ed insicuro ma con il diffondersi maggiormente delle nuove tecnologie e di Internet, mi sono avvicinato a questo nuovo mondo che ho sempre reputato il migliore.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×
WhatsApp chat