Il 21enne Creatore dello strumento di hacking LuminosityLink RAT si è dichiarato colpevole

Il 21enne Creatore dello strumento di hacking LuminosityLink RAT si è dichiarato colpevole

Il 21enne Creatore dello strumento di hacking LuminosityLink RAT si è dichiarato colpevole

Come è stato ipotizzato che l’autore di LuminosityLink RAT sia stato arrestato l’anno scorso, un accordo di patteggiamento reso pubblico oggi ha confermato la notizia.

Già nel settembre dello scorso anno, il Centro europeo per la criminalità informatica di Europol (EC3) e l’Agenzia nazionale per la criminalità hanno iniziato la repressione del LuminosityLink RAT, rivolgendosi ai venditori e agli utenti del malware, che ha portato al sequestro di un numero considerevole di computer e account Internet in tutto il mondo.

Colton Grubbs, un uomo di 21 anni del Kentucky, lo sviluppatore del LumatosityLink RAT si è dichiarato colpevole di accuse federali di creare, vendere e fornire supporto tecnico per il malware ai suoi clienti, che lo hanno utilizzato per ottenere l’accesso non autorizzato a migliaia di computer attraverso 78 paesi in tutto il mondo.

All’inizio di aprile 2015, il LuminosityLink RAT (Remote Access Trojan), noto anche come Luminosity, era uno strumento di hacking venduto a 40 dollari, commercializzato come uno strumento legittimo per gli amministratori di Windows per gestire una grande quantità di computer contemporaneamente.

Tuttavia, in realtà, LuminosityLink RAT era un pericoloso trojan di accesso remoto progettato per disabilitare la protezione anti-virus e anti-malware installata sul computer di una vittima in modo da non essere individuato, e quindi ha iniziato le sue altre nefande attività, che includevano:

  • attivare la webcam sul computer della vittima per spiare i feed video,
  • accesso e visualizzazione di documenti, fotografie e altri file,
  • recuperare le password,
  • iniettare un keylogger aggressivo in quasi tutti i processi in esecuzione sul computer infetto per registrare automaticamente tutte le sequenze di tasti immesse dalla vittima.

Malware di ratto luminositylink di Colton Grubbs

Inoltre, una semplice ricerca su Google di LuminosityLink RAT ti porterebbe a una pagina di deposito pubblica presso l’ufficio del Segretario di Stato del Kentucky, che mostra che Colton Grubbs ha anche  incorporato una società denominata Luminosity Security Solutions LLC il 7 giugno 2016 ovvero circa 2 anni fa, in un tentativo di etichettare il suo strumento come un servizio legittimo.

Colton Grubbs, che utilizzava il moniker online di ‘KFC Watermelon‘ commercializzava e vendeva LuminosityLink RAT sul suo sito web luminosity.link e sul forum internet pubblico HackForums.net. Il malware è stato venduto a più di 6.000 individui, che lo hanno utilizzato maliziosamente per rilevare decine di migliaia di computer in 78 paesi.

In precedenza Colton Grubbs affermava che LuminosityLink RAT era un software legittimo per gli amministratori di sistema, ma nell’accordo di qualche mese fa, l’autore ha ammesso di sapere che alcuni dei suoi clienti lo usavano per hackerare illegalmente nei computer delle vittime senza la loro conoscenza o autorizzazione.

“Il marketing di Defendant ha enfatizzato queste funzionalità maligne di LuminosityLink RAT, tra cui potrebbe essere installato da remoto senza notifica, registrare le chiavi che una vittima ha premuto sulla tastiera, sorvegliare le vittime usando le loro telecamere e microfoni, visualizzare e scaricare i file del computer, rubare nomi e le password utilizzate per accedere a siti Web, estrarre e guadagnare valuta virtuale utilizzando computer e elettricità vittima, utilizzare i computer delle vittime per lanciare attacchi DDoS contro altri computer e impedire al software anti-malware di rilevare e rimuovere LuminosityLink RAT”, si legge nell’accordo di patteggiamento firmato da Colton Grubbs.

Colton Grubbs ha anche ammesso che quando ha saputo di un raid dell’FBI nel suo appartamento a luglio dello scorso anno, ha cercato di nascondere le prove – inclusi il suo laptop, i dischi rigidi, una carta di debito associata al suo account Bitcoin e un telefono che memorizza le sue informazioni Bitcoin – prima del ricerca autorizzata.

Tre giorni dopo, Colton Grubbs ha anche trasferito più di 114 Bitcoin (circa 273.000 dollari al momento) dal suo indirizzo Bitcoin ovvero LuminosityLink RAT a sei nuovi indirizzi Bitcoin.

Colton Grubbs si è dichiarato colpevole di 3 capi di violazione della privacy, della cospirazione e della perdita di almeno 5.000 dollari per i computer protetti, che portano a pene fino a 25 anni e multe di 750.000 dollari.

Michele Minister

Ciao e benvenuto nel mio sito e voglio dirti Chi Sono, innanzitutto parto col dire che mi chiamo Marco Martini ma sono anche chiamato Michele Minister dato che Michele è il mio secondo nome e Minister è il nickname che ho da sempre utilizzato su tutti i giochi e quindi li ho messi insieme dato che non volevo utilizzare il classico Nome e Cognome per creare un sito. Ho soli 17 anni e svolgo parallelamente alla scuola la professione di Webmaster e Divulgatore Informatico, sono sempre stato timido ed insicuro ma con il diffondersi maggiormente delle nuove tecnologie e di Internet, mi sono avvicinato a questo nuovo mondo che ho sempre reputato il migliore.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×
WhatsApp chat