Operatore BTC-e accusato di riciclaggio di $ 4 miliardi, da estradare in Francia

Operatore BTC-e accusato di riciclaggio di $ 4 miliardi, da estradare in Francia

Operatore BTC-e accusato di riciclaggio di $ 4 miliardi, da estradare in Francia

In un braccio di ferro di estradizione legale tra Stati Uniti e Russia, sembra che la Francia abbia vinto la partita, sorprendentemente.

Un tribunale greco ha deciso di estradare il sospetto di criminalità informatica russa e l’ex Operatore BTC-e di criptaggio ora defunto in Francia, anziché negli Stati Uniti o nella sua Russia natia, secondo diverse agenzie di stampa russe.

Alexander Vinnik, di 38 anni, è stato accusato di riciclaggio di oltre 4 miliardi di dollari in Bitcoin per criminali coinvolti in attacchi di hacker, frodi fiscali e traffico di droga con l’aiuto dello scambio criptato di BTC-e.

BTC-e, un servizio di cambio di valuta digitale operativo dal 2011, è stato sequestrato dalle autorità dopo l’arresto di Alexander Vinnik nel nord della Grecia a fine luglio 2016 su richiesta delle autorità statunitensi preposte all’applicazione della legge.

Alexander Vinnik è anche accusato del fallimento del più famoso scambio giapponese di BitcoinGox , che è stato chiuso nel 2014 in seguito a una serie di misteriose rapine, che hanno totalizzato almeno 375 milioni di dollari in Bitcoin.

Le autorità statunitensi ritengono che Alexander Vinnik abbia “ottenuto” fondi dall’hacker o dall’interno che ha rubato Bitcoin dal Monte. Gox li ha inviati a un portafoglio Bitcoin controllato da lui e ha intenzionalmente riciclato i soldi tramite BTC-e per un periodo di tre anni.

La Corte Suprema greca ha precedentemente approvato L’estradizione di Alexander Vinnik negli Stati Uniti per essere processata sulle accuse con l’operazione di un business di servizi di denaro senza licenza, riciclaggio di denaro sporco, cospirazione per commettere il riciclaggio di denaro e impegnarsi in transazioni monetarie illegali.

Tuttavia, una corte inferiore greca nella città settentrionale di Salonicco ha concordato negli scorsi mesi di estradare Alexander Vinnik in Francia, dove è accusato di aver frodato migliaia di persone in tutto il mondo, inclusi circa 100 cittadini francesi, attraverso la sua piattaforma Bitcoin e riciclato 133 milioni di euro usando 20.643 Bitcoin.

La Russia sta anche cercando Alexander Vinnik per far fronte a un costo di frodi di 11.000 dollari, molto basso rispetto alle accuse fatte da altri paesi, anche se non è stata ancora fissata una data di udienza per la richiesta di estradizione russa.

Tuttavia, Alexander Vinnik, che è in prigione in Grecia, si dichiara insolente negando tutte le accuse fatte da Stati Uniti, Russia o Francia.

Il ministero degli Esteri russo ha criticato la decisione di estradizione della Grecia in una dichiarazione, dicendo:

“Cedendo alle pressioni esterne, le autorità greche continuano a complicare le relazioni con la Russia, diversi giorni dopo aver preso una decisione ostile per espellere i diplomatici russi e negare l’ingresso a diversi cittadini russi, hanno adottato una decisione di estradizione del cittadino russo Alexander Vinnik in Francia. È ovvio che la Russia non può lasciare queste azioni senza risposta “.

Tuttavia, secondo quanto riferito, il ministro della Giustizia greco può ancora rovesciare la sentenza della corte e decidere dove finirà Alexander Vinnik: Stati Uniti, Russia o Francia.

L’avvocato greco di Alexander Vinnik Ilias Spyrliadis ha dichiarato all’agenzia di stampa russa TASS che sta progettando di ricorrere contro la decisione della corte nella Corte Suprema greca.

Altri contenuti di Informatica


Google ha abilitato la funzionalità Isolamento del sito per impostazione predefinita per gli utenti di Chrome Desktop

Sono state rilevate due nuove vulnerabilità della CPU di classe Spectre: Intel paga 100.000 dollari di taglia

Microsoft ha rilasciato aggiornamenti delle patch per 53 vulnerabilità nel suo software

Adobe ha rilasciato aggiornamenti delle patch di sicurezza per 112 vulnerabilità

Gli accessori USB possono sconfiggere la nuova funzione di sicurezza Modalità con restrizioni USB di iOS

Michele Minister

Ciao e benvenuto nel mio sito e voglio dirti Chi Sono, innanzitutto parto col dire che mi chiamo Marco Martini ma sono anche chiamato Michele Minister dato che Michele è il mio secondo nome e Minister è il nickname che ho da sempre utilizzato su tutti i giochi e quindi li ho messi insieme dato che non volevo utilizzare il classico Nome e Cognome per creare un sito. Ho soli 17 anni e svolgo parallelamente alla scuola la professione di Webmaster e Divulgatore Informatico, sono sempre stato timido ed insicuro ma con il diffondersi maggiormente delle nuove tecnologie e di Internet, mi sono avvicinato a questo nuovo mondo che ho sempre reputato il migliore.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×
WhatsApp chat